In base alla normativa in materia di privacy, l'Unione Valli Reno Lavino Samoggia, con sede legale in Casalecchio di Reno (BO), Via dei Mille, n. 9, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici che dal Titolare viene fatto. Per maggiori informazioni e per le modalità con le quali negare il consenso all’installazione dei singoli cookie sul proprio browser è possibile consultare l’informativa completa.

                               

                               

                               

LogoProtCivURLS

                               

                               

Piano di Protezione Civile

Scenari di Rischio -Terremoto [Sezione 2 - SRG 4.1]

Icona terremoto

RISCHIO SISMICO

TERREMOTO

SR4.1 RG001


Sezione2

Il terremoto è uno dei più temibili fenomeni geologici, connotato, come mostrano alcuni censimenti sulle catastrofi naturali, da un’alta incidenza come numero di vittime rispetto agli altri eventi geologici, che può rappresentarsi con tassi variabili dal 58 al 30% rispetto agli altri fenomeni, a seconda del periodo d’osservazione considerato; in Italia dal 1000 ad oggi si sono avuti 30.000 terremoti, dei quali circa 200 disastrosi, che hanno causato più di 120.000 vittime solo in questo secolo.

Il rischio connesso a fenomeni sismici è ovviamente riferito ad un contesto territoriale più ampio di quello comunale; gli eventi calamitosi di tale tipo attivano pertanto procedure di intervento a livello provinciale, alle quali il comune può fornire supporto logistico e tecnico.

La previsione dell’estensione dello scenario di rischio, per intensità di evento atteso, viene fornita dalla Regione Emilia Romagna, mediante i servizi tecnici specialistici, ed il supporto delle strutture di livello nazionale; tale valutazione prende inoltre in esame la vulnerabilità del territorio, in particolare in relazione alle caratteristiche costruttive del patrimonio edilizio, principale elemento impattato dal terremoto.

Sotto il profilo normativo, i Comuni dell'Unione sono stati classificati in 3a zona a seguito dell’Ordinanza PCM n° 3274 del 20 marzo 2003, in quanto ricadente in zone ad elevato rischio sismico, di cui all’Ordinanza DPC n° 2788. 

 ...Scarica il pdf per continuare la lettura


LogoPDF
Download  "Sezione 2 - Scenari di Rischio SR.4.1 Terremoto" del Piano di Protezione Civile Sovracomunale 

                               

                               

                               

                               

                               

Please publish modules in offcanvas position.