In base alla normativa in materia di privacy, l'Unione Valli Reno Lavino Samoggia, con sede legale in Casalecchio di Reno (BO), Via dei Mille, n. 9, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici che dal Titolare viene fatto. Per maggiori informazioni e per le modalità con le quali negare il consenso all’installazione dei singoli cookie sul proprio browser è possibile consultare l’informativa completa.

Stampa questa pagina
Maltempo, la Regione stanzia subito 1,5 milioni di euro per le somme urgenze su argini, fiumi e frane

Maltempo, la Regione stanzia subito 1,5 milioni di euro per le somme urgenze su argini, fiumi e frane

Bologna – L’Emilia-Romagna non perde tempo. Dopo l’ultima ondata di maltempo appena conclusa che ha creato ingenti danni e disagi a cittadini e imprese e ha messo in ginocchio ancora una voltaMaltempo maggio 2019 - Frana di Borgo Tossignano (Bo) l’agricoltura, la Regione ha deciso di intervenire subitostanziando 1,5 milioni di euro in attesa del riconoscimento, da parte del Governo, dello stato di emergenza nazionale.

Le risorse, con un prelievo eccezionale dal fondo di riserva, serviranno per realizzare i primi interventi urgenti e indifferibili nei territori più colpiti. Si parte dalla sicurezza degli argini provati dalle piene straordinarie (solo per fare un esempio le cinque in meno di un mese che si sono susseguite nel modenese) al ripristino della viabilità interrotta a causa delle frane, ai servizi necessari per togliere dall’isolamento alcune frazioni e abitanti delle colline.

E intanto si attende da Roma l’accoglimento dello stato di emergenza su una prima stima di danni pari a oltre 111 milioni di euro, di cui oltre 11 milioni di opere già eseguite o in corso di esecuzione, a cui però, nella relazione analitica che si sta raccogliendo e che sarà inviata nelle prossime settimane, andranno aggiunti anche i danni ingenti subiti da tutto il territorio emiliano-romagnolo, meno di una settimana fa.

L’Emilia-Romagna ancora una volta quindi fa la sua parte a fianco di cittadini, imprese, aziende agricole dopo la firma del presidente, il 22 maggio, dello stato di mobilitazione regionale che aveva visto impegnati per far fronte all’ennesima ondata di maltempo di maggio, 163 volontari da altre Regioni (Friuli, Veneto, Lombardia, Piemonte e Toscana) e importanti contingenti di Vigili del fuoco e dell’esercito, oltre all’intero sistema di protezione civile regionale.

Lo stanziamento di 1,5 milioni di euro servirà a finanziare gli interventi di somma urgenza sui fiumi e sulle frane a opera dei Servizi territoriali dell’Agenzia regionale di Protezione civile e a sostenere i Comuni nella risoluzione di alcune situazioni di frane particolarmente gravi per ripristinare la viabilità e togliere dall’isolamento alcune frazioni e case.