In base alla normativa in materia di privacy, l'Unione Valli Reno Lavino Samoggia, con sede legale in Casalecchio di Reno (BO), Via dei Mille, n. 9, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Si rende noto che la prosecuzione della navigazione, come anche lo specifico click sul tasto "Accetto", comporta in ogni caso la prestazione del consenso all’uso dei cookies tecnici che dal Titolare viene fatto. Per maggiori informazioni e per le modalità con le quali negare il consenso all’installazione dei singoli cookie sul proprio browser è possibile consultare l’informativa completa.

                               

                               

                               

LogoProtCivURLS

                               

                               

Giovedì, 22 Novembre 2018 08:08

 Bologna, 19 novembre 2018 - Con la DGR 1914 del 12 novembre 2018 la Regione Emilia Romagna ha definito che i  cittadini che hanno perso o avuto danneggiata la propria auto o il proprio veicolo a causa dei gravi episodi di maltempo nel dicembre 2017 possono presentare le domande di risarcimento a partire dal prossimo 21 novembre e fino al 31 dicembre.

In particolare, la Giunta regionale ha stanziato 1 milione di euro (prelevato dal proprio fondo di riserva) per risarcire i privati che hanno perso un'auto o un altro veicolo registrato al Pra (Registro automobilistico pubblico) e che hanno provveduto a segnalare il danno con l'apposita scheda di ricognizione.

In tutto si tratta di 129 mezzi: 93 a Reggio Emilia, 11 sia a Modena che a Forlì-Cesena, 8 a Parma, 4 a Piacenza e 2 a Bologna.

L'indennizzo potrà riguardare sia la riparazione di quelli danneggiati, sia la sostituzione dei veicoli distrutti con altri equivalenti. Chi non avesse ancora provveduto agli interventi di sistemazione o al nuovo acquisto, avrà tempo per farlo fino al 31 luglio 2019.

Il rimborso arriverà fino ad un massimo di 25 mila euro e sarà commisurato al valore minimo tra la spesa sostenuta e il valore commerciale del bene alla data dell'evento calamitoso (definito secondo il listino ufficiale Eurotax Giallo del mese di dicembre 2017).

Come fare per avere l’indennizzo
La domanda di contributo può essere consegnata a mano, spedita con raccomandata o all'indirizzo di posta elettronica certificata pec del Comune dove è stato segnalato il danno. Il modulo per la richiesta sarà disponibile anche online sul sito della Protezione civile.

Al massimo entro metà febbraio 2019, i Comuni provvederanno all'istruttoria delle domande che sarà quindi trasmessa alla Regione, per definire il contributo massimo concepibile. Le relative somme saranno quindi liquidate a favore dei Comuni, cui spetta il compito di effettuare l'erogazione ai cittadini.

Dissesto idrogeologico in Italia: pericolosità e indicatori di rischio – Edizione 2018

Campagna anti incendi boschivi 2018

Ondate di Calore

Il Sistema di Protezione Civile Sovracomunale

Protocollo di intesa per il Coordinamento del Volontariato di Protezione Civile

Sito in costruzione

                               

                               

                               

                               

                               

Please publish modules in offcanvas position.